Chiudi gli occhi e pensa a ciò che ti rende felice.

Elimina le grandi cose: l’amore, i soldi, la pace nel mondo. Ora, concentrati sui piccoli piaceri che rendono la tua vita migliore, che ti strappano un sorriso, che ti fanno sospirare. Una tazza di tè caldo non zuccherato, il naso umido del tuo cagnolino, il profumo delle pagine di un libro appena acquistato in libreria. Pensa a quanto questi piccoli momenti possano influire sull’umore della tua giornata, al potere che hanno di portarti indietro nel tempo o farti rilassare profondamente.

Dai, comincio io.

libri a colazioneA Martina piace:

  • Leggere le dediche dei libri
  • Respirare l’aria che cambia di stagione in stagione
  • Perdersi nel profumo di una libreria
  • Affondare le mani nei legumi (o altre cosine simili)
  • Impastare e mescolare
  • Ascoltare il suono del legno sui moli in riva al lagoPotrei elencarne ancora molti.

Ogni sera, prima di andare a dormire cerco di appuntarne almeno uno. Ma due su tutti emergono: il cibo e i libri.
Questo luogo nasce per unirli.

Il cibo. Quello buono, fatto in casa come mamma e nonna comandano. I dolci sono la mia passione e qui avranno un ruolo primario, ma so che (ahimè) non si può vivere solo di quello. Quindi largo ad antipasti, primi, secondi, contorni, spuntini e merende.

I libri. Tutti i libri sì. Ma qui si parlerà in particolare di libri per l’infanzia , albi illustrati, grandi classici e novità. E, ti prego, non pensare che sia una roba solo per minori di 10 anni, avrai modo di scoprire che i libri per bambini possono insegnare tanto anche agli adulti.

Ognuna di queste storie ispirerà una ricetta. Da preparare soli o in compagnia, da proporre a piccoli che non vogliono saperne di assaggiare cibi nuovi (fidati di un’esperta in materia) o semplicemente da gustare per ritagliarsi un piccolo istante di felicità.
Niente di complicato, giusto un po’ di creatività e fantasia che nella vita servono sempre.

Che dici, iniziamo?
Benvenuto su Una fiaba in cucina.

Martina

foto martina romito

Sono Martina, ho 28 anni e abito a Torino insieme alla mia famiglia e alla mia cagnolina combinaguai. Dopo il diploma in lingue ed economia e una laurea (mai utilizzata) in Psicologia, ho scelto di seguire le mie passioni: l’arte, la letteratura per bambini e la cucina.
Un minestrone, insomma. Ma io, bambina schizzinosa dal “non lo assaggerò mai” facile, il minestrone in pezzi non l’ho mai mangiato. Passo tutto, frullo e mangio di gusto. Ed è un po’ quello che faccio nella mia vita, che è tanto unica proprio perché fatta di mille ingredienti diversi mescolati sapientemente tra loro.

Leggo libri e preparo dolci, per me e per chi mi sta attorno.
Con Una fiaba in cucina unisco le due cose e trasformo le fiabe in realtà.

Con chi collaboro